giovedì 21 ottobre 2010

In classe senza libri, solo netbook



Non saprei se la cosa può essere un bene o un male per i ragazzi di oggi, la notizia mi lascia un pò nel dubbio, so che ci sono come sempre i pro e i contro per innovazioni o metodi, ma se penso a quando noi andavamo a scuola, libri pesanti e la maggior parte erano letti e usati in tutte le sue pagine, ci si leggeva tutto della storia e della geografia, date di nascità e morte, battaglie, anche quelle che sembravano meno significative per noi venivano riportate nei minimi particolari, a volte le letture potevano essere noiose ma molte erano da noi ragazzi lette con interesse, le interogazioni erano sempre piene di domande e di ricordi di date e personaggi che hanno fatto la storia dell'uomo.
Oggi tutto questo non è, i libri sono con meno pagine e spesso della stessa materia ne hai due, le cartelle sono diventate più belle e pratiche, esistono anche i trolli cosa che noi non avevamo, io usavo spesso l'elastico, o la cartella che si portava a tracolla e che era di dimensioni grosse, forse esagerate e forse direi anche più resistenti a quelle che trovi in commercio ora.
Ma torniamo alla notizia, in una scuola nel Cremasco, verrano distribuiti dei netbook al posto dei libri, per ragionieri e geometri, i circa 1.600 studenti, entro i prossimi cinque anni avranno tutti un loro computer. La prima tranche di consegna dei pc, che ha riguardato le 15 prime classi, e' avvenuta ieri mattina. Gli studenti che hanno iniziato a prendere confidenza con i loro netbook che porteranno nello zaino al posto dei libri  sono 430: da adesso in poi seguiranno le lezioni con il computer. Penso che siano nello stato di contentezza al verosimile, forse è giusto che sia cosi visto l'esistenza di tecnologie di questo genere, ma forse sarà un male per quello che riguarda la discussione tra loro e insegnanti e questo renderà il dialogo povero di parole, a parte l'uso di molti che sicuramente sarà di andare su siti nell'ora di lezione, mentre ai nostri tempi il rischio era solo di andare avanti con le pagine.
Ciao Alby







2 commenti:

annamaria (giò) ha detto...

Ma io credo che qualsiasi innovazione sia positiva nel momento in cui porta cultura. Ultimamente ne vedo molto poca, specie nel mio ambiente di lavoro ....eheheheheh
Bacio

Alby ha detto...

si vero, le innovazioni portano posività sempre che siano controllate da chi deve, anche nel mio lavoro la tecnologia ha aiutato molto e ancora oggi ne arriva sempre nuova, se prima in certi lavori ci mettevo ore oggi in poco tempo riesco a finire prima e dare di più, ma come dico si parla di persone adulte e che ne fanno uso per lavoro, i ragazzi si sa non tutti hanno le idee chiare e la voglia di fare, speriamo che nn sia come dico io e che per questi sia una cosa presa seriamente, ciao kisss