venerdì 15 ottobre 2010

Domanda

E' giusto che un lavoratore esprima un rimprovero a voce alta ad un altro lavoratore dello stesso livello?

3 commenti:

bigbruno ha detto...

Personalmente lo ritengo un fatto negativo, anche se "l'urlatore" avesse OBIETTIVAMENTE ragione. Più corretto confrontarsi educatamente e in pvt. Se ciò non sortisse alcun effetto andare insieme dal diretto superiore, x dirimere la questione, ma sempre nei limiti della decenza, e nell'interesse dell'azienda x cui si lavora.

annamaria (giò) ha detto...

Ed ecco che qui subentra un altro problema che tu hai alzato involontariamente: il diretto superiore lascia fare...e gli arroganti hanno la meglio!
Speriamo che venga presto il momento della pensione, ho bisogno di uscire realmente e fisicamente da quell'ambiente diventato invivibile per chi ha un pò di amor proprio.

Alby ha detto...

dunque, io penso che nessuno ha diritto di alzare la voce nell'ambiente di lavoro, che sia di grado pari o superiore, si puo esse anche nn daccordo sul lavoro, capita anche a me, ma nn ho mai alzato la voce con nessuno se nn sono costretto e provocato da altro collega, nel pubblico impiego spesso esiste questa forma di arroganti colleghi e anche a me capita di trovare persone cosi, ma cerco sempre di nn farmi mettere i piedi sopra, il mio capo è uno di quelli che la voce lha sempre alzata anche quando ha torto, e già volte le ho detto davanti a altri superiori che è stronzo, naturalmente con il sorriso in bocca tanto per nn creare guerre tra noi, ma lui la voce l'alza nn nei miei confronti ma solo quando si sfoga e l'ho fa sempre con me perchè mi trova come valvola di sfogo, poi ho una collega che lei lo fa di rutine di alzare la voce e un giorno ancora un pò si prendeva un bel schiaffo da me, sono riuscito a trattenermi, come te Anna nn vedo l'ora di andare in pensione, ancora 4 anni e poi finalmente mi libero di questi problemi, ciao